Forum

Condividere la propria storia

Entra nel forum

Il Forum è un luogo d’incontro virtuale che fornisce conforto nella condivisione di esperienze dolorose come quella della morte traumatica di una persona cara (ossia per cause improvvise, inaspettate e violente, come incidenti stradali o sul lavoro, omicidi, catastrofi naturali).

Il luogo è virtuale ma ha un’aspirazione concreta: quella di essere un piccolo porto protetto dove ripararsi dalle tempeste della vita.

In questo Forum troverai le storie di chi ha vissuto o sta vivendo con la sofferenza di un lutto traumatico e cerca di trovare strumenti nuovi per affrontare la propria esistenza. È uno spazio per chi sente la voglia di condividere i propri pensieri ed emozioni, ma è anche dove si viene per  leggere e conoscere esperienze e strategie che altri hanno messo in atto per affrontare questa dura esperienza che la vita ci costringe ad affrontare.

 

All’interno del forum trovate:

  • Uno spazio dedicato a esperienze e storie di persone che hanno perso un proprio caro per morte traumatica.
  • Uno spazio specifico per quelle persone che hanno perso una persona cara a causa di suicidio.

Questa distinzione,  viene fatta per offrire spazio all’emergere di particolari tematiche che caratterizzano in maniera diversa questi due tipi di lutto.

Oltre agli utenti del forum, a rispondere ai tuoi dubbi o semplicemente a ascoltare la tua storia, troverai un operatore dell’associazione.

A volte la vita viene stravolta da eventi improvvisi che provocano fratture così profonde da rendere difficile l’andare avanti. E’ importante sapere che, nonostante la sofferenza, si può sopravvivere e condurre una vita significativa.


 

 
A UN ASSENTE 

Ho ragione a provare nostalgia,ho ragione ad accusarti.
C’era un patto implicito che hai rotto
e senza accomiarti sei partito.
Hai fatto detonare il nostro patto
Hai fatto detonare la nostra vita,
la comune acquiescienza del vivere
e dell’esplorare i percorsi del buio
senza scadenze senza consultazione senza provocazione
finché non sia arrivato il momento delle foglie
che cadono nel momento di cadere.
Hai anticipato l’ora.
Che altro potevi fare di più grave
se non quell’atto senza seguito, l’atto in sé,
l’atto che non osiamo né sappiamo osare
perché dopo di esso non c’è nulla?
Ho ragione ad avere nostalgia di te
Della nostra frequentazione fatta di un parlare fra compagni,
di una semplice stretta di mano e ancora meno, voci
che pronunciavano sillabe risapute e banali
e che erano sempre certezza e sicurezza.
Sì, ho nostalgia
Sì, ti accuso perché hai commesso
ciò che non è previsto dalle leggi di amicizia e di natura
e neppure ci hai lasciato il diritto di indagare
perché lo hai fatto, perché sei partito.

Questi sono versi di Carlos Drummond de Andrade (1902-1987). Questa poesia è inedita in italiano, questa traduzione è di A. Tabucchi, il quale l’ha dedicata all’autore di “Questo amore” Roberto Cotroneo


 

Italiano